Cordogli

Tra Italo Moretti e Giampaolo Pansa, il mio cordoglio va ad un giornalista che non ha mai adoperato nessun revisionismo dei fatti per fare attualità o per fare cronaca....

Tra Italo Moretti e Giampaolo Pansa, il mio cordoglio va ad un giornalista che non ha mai adoperato nessun revisionismo dei fatti per fare attualità o per fare cronaca.

Non si può sempre “condividere” tutto: nemmeno il cordoglio. Altrimenti facciamo il gioco di chi ha inventato la necessità dell’unità di popolo a tutti i costi sotto una “memoria condivisa“.

Ognuno piange i suoi morti: quelli che hanno provato a mostrare la Resistenza come fenomeno equiparabile al fascismo di Salò o addirittura peggiore per vendette post-belliche, non possono avere il mio cordoglio.

Non voglio essere ipocrita, per questo mi dispiace molto per la scomparsa di Italo Moretti. Quella di Pansa mi lascia, eufemisticamente, indifferente.

Nessun disprezzo, però. Restiamo, comunque, sempre umani e, se possibile, resistenti e partigiani (da una parte ben precisa).

(m.s.)

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Ceti scolastici

    Sbalorditiva la notizia di una scuola pubblica romana dove, nella presentazione della medesima, si dividono per “classi sociali” gli alunni nei due plessi che la compongono. Da una parte...
  • Mattone e vetro

    Volevo commentare: “Il governo ha salvato l’Italia“. Poi mi sono detto: “Tu guarda se tocca essere salvati ogni volta da quelli che sostengono chi ci accoltella alle spalle ogni...
  • Germanico

    No, nessun console romano risorto da qualche tempio sotto gli strati del tempo delle vie di Roma. E’ soltanto la nuova legge elettorale, questa volta proporzionale, che viene chiamata...
  • Piromani in erba

    In Australia ci sono circa duecento persone accusate dalla polizia di aver appiccato gran parte di quegli incendi che hanno devasto il Nuovo Galles del Sud, contribuito alla morte...