Contrarietà sostanziale

Io non sono contrario al referendum sulla riforma costituzionale per pregiudizio verso Renzi o il suo governo. Penso che sia una riforma che svilisce la democrazia repubblicana cancellando quel...

Io non sono contrario al referendum sulla riforma costituzionale per pregiudizio verso Renzi o il suo governo.
Penso che sia una riforma che svilisce la democrazia repubblicana cancellando quel necessario bicameralismo perfetto che, fino a prova contraria, è stata una delle più importanti intuizioni di protezione dell’autonomia parlamentare rispetto all’esecutivo.
La formazione delle leggi non è un giochetto da semplificare eliminando una istituzione che esiste da più di tremila anni.
Un paragone improprio? Ditelo alla Serracchiani che tira in ballo Berlinguer, Ingrao e persino le proposte di riforme del PCI e del PDS per giustificare un tentativo di instaurazione di una repubblica semipresidenziale al posto di quella attuale parlamentare.
Questo è uno dei motivi per cui voterò ed inviterò a votare NO al referendum di ottobre.
E se ce ne fosse bisogno d’altri, anche per permettere a Renzi e Boschi di mantenere le loro promesse e mandarsi a casa insieme ad un governo di liberisti e privatisti che fa gli interessi dei grandi finanzieri e maltratta la povera gente.

(m.s.)

26 maggio 2016

foto tratta da Wikipedia

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Avanzamento

    Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...
  • A proposito di nazismo

    Ai negazionisti delll’Olocausto, del Porrajmos e dei tanti stermini perpetrati dal Terzo Reich e dai fascismi di ogni modello, va ricordato prima di tutto che furono gli stessi nazisti...
  • Presa di coscienza

    Quando avevo vent’anni mi dicevano: “O sei comunista alla tua età o non lo sarai mai più.”. Pensavo fosse una esagerazione. Tutt’ora lo penso anche se con qualche dubbio,...
  • Nati ieri?

    Se parliamo di cambiamento minimale, quindi modificazione riformatrice di determinate politiche, è evidente che la risposta non può arrivare dalle piazze piene ma dai “giochi” di palazzo, anche intesi...