Considerazioni desolanti

Il rumore di una modernità bugiarda mi scuote l’animo e mi rende indisciplinato verso una specie di omologazione fatta di lampi di genio di chi vorrebbe accreditarsi come lo...

Il rumore di una modernità bugiarda mi scuote l’animo e mi rende indisciplinato verso una specie di omologazione fatta di lampi di genio di chi vorrebbe accreditarsi come lo scopritore di talenti da far avanzare sul tappeto scivolante del futuro.
Frastornante è la desolazione delle coscienze che non percepiscono altro se non la ripetuta quotidianità, una routine mai uguale a sé stessa ma sempre uguale al vuoto delle menti che si dimenticano di pensare, che agiscono per inerzia, per transumanza di abitudini che non rimarranno nemmeno nel libro delle tradizioni di un triste passato.
Ciò che è considerato moderno mi fa sperare ben poco nella rinascita della coscienza critica e della voglia di uguaglianza che diminuisce a vista d’occhio, che è ormai impalpabile, impercettibile a qualunque senso.
Ciò che è considerato invece vecchio, antico e superato è la più bella delle melodie che mi riscaldano ancora un po’ quella passione che, tutto sommato, mi tiene in vita.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto
nessun commento

lascia un commento

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.









altri articoli

  • Inciampando

    Il capitalismo e le istituzioni governative che ne sono il cane da guardia non stanno dando una immagine di grande tenuta in questo momento in Europa: dalla Francia al...
  • Corinaldo. La colpa

    Tralascio considerazioni musicali. Pur essendo nato nel 1973, i miei dischi (o cd) sono pieni di un caleidoscopio di note così differenti tra loro da far impallidire qualunque cultore...
  • L’illusione

    La sinistra non può essere rappresentata da chi ha acconsentito fino ad oggi, silentemente o meno, a tutte le politiche liberiste fatte dal proprio partito. L’induzione all’opposizione, reduce da...
  • Sovranismo psichico

    L’ultimo ritratto fatto dall’ISTAT è impietoso: almeno per chi considera solidarietà, uguaglianza e rispetto dei diritti sociali e civili come trittico alla base di una normalissima convivenza civile dentro...