Come ti chiami?

Il “caso Sicilia” alimenta le tensioni nella presunta area di “centrosinistra”: poi dentro è coinvolto anche Alfano con un pezzo di centrodestra, ma poco contano i confini. Va di...

Il “caso Sicilia” alimenta le tensioni nella presunta area di “centrosinistra”: poi dentro è coinvolto anche Alfano con un pezzo di centrodestra, ma poco contano i confini.
Va di moda il “porte aperte”, l'”inclusività” e allora, nel sacro nome dell’impedire “alle destre” la scalata a Palazzo d’Orleans, si tenta di stare a galla, di provare la litania dello “spostiamo a sinistra il PD”, del “condizioniamo i processi politici”.
Tutte belle (si fa per dire) frasi per uno scenario che di alternativa di società non ha niente nel suo farsi programma politico. Ne è, anzi, il contrario.
Ma, si sa… si chiama “sinistra” ciò che è destra, oltre la destra già esistente. E, quindi, a noi tocca chiamarci in altro modo… forse “comunisti”?

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Al livello delle palle

    Crea molta tristezza vedere undici giocatori di calcio fare il saluto militare. Solidarietà ad Erdogan? Per cosa? Per una aggressione ad un popolo che ha tutto il diritto di...
  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...
  • Serie “il governo sociale” / 3

    Prima scena Il governo che ci ha “salvato” da Salvini è pronto a mortificare il Parlamento con una riforma nuovamente eversiva che riduce anche la voce dei territori nelle...