Come siamo vecchi!

Un movimento che vuole stare vicino ai più deboli, fare la rivoluzione contro la casta, difendere gli interessi anche soltanto del cosiddetto “ceto medio”, a detta sua, può recarsi...

Un movimento che vuole stare vicino ai più deboli, fare la rivoluzione contro la casta, difendere gli interessi anche soltanto del cosiddetto “ceto medio”, a detta sua, può recarsi a Londra per rassicurare gli investitori stranieri?
Lasciamo ai posteri l’ardua sentenza o proviamo a risponderci in questo mese di campagna elettorale?
Viene fuori qui il trasversalismo politico, il non schierarsi: dalla parte degli sfruttati o degli sfruttatori?
Sento l’obiezione arrivare, lenta ma inesorabile: “Sono categorie novecentesche…”, “Sono schemi superati”.
Sarà… Ma io gli sfruttati li vedo. Mi ci riconosco persino.
Percezioni funamboliche di un comunista di medio termine che non si rassegna all’incoscienza che regna (quasi) sovrana sul tipo di società in cui continuiamo a vivere, senza alcuna soluzione di continuità, da duecento anni a questa parte.
Sono cambiate molte cose, molti rapporti fra le classi sociali. Ma sempre due rimangono: sfruttati e sfruttatori.
E, almeno quello, noi la scelta da che parte stare l’abbiamo fatta e non la cambiamo.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Al livello delle palle

    Crea molta tristezza vedere undici giocatori di calcio fare il saluto militare. Solidarietà ad Erdogan? Per cosa? Per una aggressione ad un popolo che ha tutto il diritto di...
  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...
  • Serie “il governo sociale” / 3

    Prima scena Il governo che ci ha “salvato” da Salvini è pronto a mortificare il Parlamento con una riforma nuovamente eversiva che riduce anche la voce dei territori nelle...