Come a Sobibor, come a Treblinka, come ad Auschwitz

Separare donne e bambini che entrano “illegalmente” (le virgolette perché ci permettiamo di obiettare che nessun essere umano è illegale e che non è illegale muoversi per il mondo...

Separare donne e bambini che entrano “illegalmente” (le virgolette perché ci permettiamo di obiettare che nessun essere umano è illegale e che non è illegale muoversi per il mondo da esseri umani) dal Messico negli Stati Uniti d’America.
E’ l’ultima proposta dell’amministrazione governativa a stelle e strisce per, si dice, “scoraggiare gli ingressi” dei migranti.
A me vengono in mente solo periodi veramente bui della storia in cui si organizzavano queste divisioni, quando si separavano donne e figlie da una parte e uomini e figli dall’altra, maschi da femmine, abili da non abili, utili allo “sforzo bellico” da “inutili” al medesimo.
Allora le immagini erano in bianco e nero, dietro a fili spinati elettrificati. A volte questo accadeva con l’arrivo dei convogli giornalieri nei campi di sterminio dell’Est Europeo, altre volte questo avveniva dentro ai campi, per stabilire chi sarebbe andato alle camere a gas e poi nei forni crematori e chi, chissà per quanti mesi o giorni, ne sarebbe stato risparmiato.
La “divisione” tra donne e bambini a me ha riportato alla mente quel periodo storico. Storico? Vedendo ciò che accade nel mondo, segnatamente negli Usa, la storicità è tutt’altro che definibile come tale: si tratta di stretta, tremenda, pura attualità.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • A chi date la stecca?

    Effetto palle da biliardo. Questo sembra accadere in questi giorni: leghisti contro grillini e viceversa. Il governo sembra schiantarsi sulle elezioni europee come un asteroide sulla terra o… piuttosto...
  • Care Anna e Kitty…

    Anna, ti vorrei dire che il tuo diario lo leggono presidi, genitori, docenti e studenti. Molti lo leggono. Alcuni lo rileggono. Come tutti i grandi libri pochi li capiscono,...
  • La bella e buona sinistra

    Se per ricostruire la sinistra si deve sacrificare la propria cultura e la propria identità, quella ricostruente non sarà una buona sinistra. Se invece per ricostruire la sinistra, si...
  • Sospensione storica

    Finalmente un gruppo di studenti comprende appieno i fatti storici del 1938 e fa un accostamento niente affatto fuori luogo, con tutte le differenze del caso, e cosa accade?...