Capolavoro

“Meglio che rimanga questo governo, finché i Cinquestelle riescono ancora a contenere Salvini”. “Se cade il governo, dopo ne avremo uno peggiore, a guida leghista, senza i Cinquestelle che...

“Meglio che rimanga questo governo, finché i Cinquestelle riescono ancora a contenere Salvini”.

“Se cade il governo, dopo ne avremo uno peggiore, a guida leghista, senza i Cinquestelle che fanno da freno”.

Posso anche condividere il senso di queste affermazioni che sento e che leggo qua e là. Tuttavia penso che prima questo governo cade e meglio è per tutti.

Al peggio non c’è mai fine solo perché non esiste un meglio da contrapporgli (…e, tanto per intenderci, non è il PD il meglio… forse è il “meno peggio” per alcuni. Per me è e rimane parte del “problema”).

Ma ditemi una cosa… Ma la funzione dei Cinquestelle non era quella di rovesciare il tavolo della politica dei partiti? Non era quella di instaurare il regno dell’onestà?

Col 34% dei voti sono riusciti a farsi trainare da Salvini e a consegnargli il governo del Paese pur avendo una maggioranza parlamentare ancora a loro favore e, probabilmente, perderanno le battaglie “storiche” del loro movimento.

Quando si dice “un capolavoro politico”.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...
  • Serie “il governo sociale” / 3

    Prima scena Il governo che ci ha “salvato” da Salvini è pronto a mortificare il Parlamento con una riforma nuovamente eversiva che riduce anche la voce dei territori nelle...
  • Chiosa

    Tutti d’accordo, dunque. Il mondo è con “l’acqua alla gola” e ha gli anni, forse i decenni contati per arrivare a quel “punto di non ritorno” da cui poi...