Avanzamento

Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...

Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio” al Paese.

Il meno peggio non conduce al “meglio”, ma soltanto a quello: al “meno peggio”.

Più avanzo nel tempo, più mi rendo conto che davvero sarebbe facilissimo rovesciare questo sistema economico che brutalizza le nostre vite, violenta la natura e fa di ogni cosa ed esistenza una merce.

Sarebbe facilissimo se non ci facessimo prendere dalla rete (in tutti i sensi… anche quella internettiana, anche quella televisiva…) del “possibile”, considerando le proposte più esigenti come forma di audacia e spavalderia, come impresa utopica, donchisciottesca.

Forse la psicoanalisi può spiegare tutto ciò al singolare. Magari l’antropologia può farlo al plurale e dirci che le masse sono per lo più rivoluzionarie per convenienza e non per principio di coscienza dettato dalla necessità e dal bisogno.

Le rivoluzioni che facciamo sono quelle che accontentano tutti nel nome della felicità, dell’amore, della democrazia.

Tre concetti usati e abusati d qualunque parte sociale e politica. Ma più di tutto abusati da chi segue la corrente e cerca il mare aperto, dove nuotano anche i pescecani, ma dove, in fondo, ci sono meno impicci, meno scogli, meno vive tortuose.

Psicologicamente è comprensibile. Intellettualmente è disdicevole. Politicamente è una aberrazione.

(m.s.)

Foto di mohamed Hassan da Pixabay

categorie
Lo stiletto

altri articoli

  • …ed ora, ciao Franca…

    Appena poco più di una settimana fa, il 31 luglio, aveva festeggiato un secolo di vita. Una vita straordinaria: difficile al principio, piena di cambi di scena, come in...
  • Senza pensare

    “Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non...
  • 100 volte Franca

    Un secolo. Franca Norsa, Valeri in onore di Paul Valery, è un pezzo di cultura di una Italia che ha dimenticato la cultura. È una rappresentazione della storia di...
  • L’incongiungibile

    Terracina. Piazza “Almirante – Berlinguer“. Più che una intitolazione, è un oltraggio. Per Berlinguer, si intende. Un Paese che può permettersi una pensata simile è un Paese privo di...