Anestetico Gaetano

Oltre a festeggiare la Repubblica Italiana, la sua Costituzione e riprendere in mano le radici della memoria che ci hanno portato, nonostante tutto, a far evolvere alcuni aspetti sociali...
Rino Gaetano al Festival di Sanremo del 1978

Oltre a festeggiare la Repubblica Italiana, la sua Costituzione e riprendere in mano le radici della memoria che ci hanno portato, nonostante tutto, a far evolvere alcuni aspetti sociali e civili di uno Stato nato male e cresciuto peggio, il 2 giugno mi è caro perché mi fa ripensare a Rino Gaetano.

Purtroppo moriva oggi, a causa di un incidente stradale. Ci ha lasciato in eredità uno squarcio aperto sulla lucida follia della fuga mentale dal quotidiano presente che ci divora l’animo, che non ci lascia spazio alla fantasia, che ci incattivisce e che ci fa diventare crudeli, sadici, spietati. In una parola: disumani.

Rino, forse impropriamente, e me ne scuserà se da qualche parte vaga l’anima sua e capita su queste parole, lo ascolto insieme a I Nomadi, a Guccini, a Fabrizio De Andrè, ai Gang ed anche ai Litfiba.

Peregrino musicalmente da Paolo Pietrangeli ad Ermal Meta. Peregrino alla ricerca di un suono associato ad un pensiero che mi faccia ubriacare di quella bella follia, di quel nonsense che mi ha anestetizzato le ferite del vivere e che mi ha aiutato a vivere.

Grazie Rino. Ovunque tu sia e anche se tu non sia ovunque.

(m.s.)

foto tratta da Wikipedia

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • E’ banale ma va detto

    Non bisogna esultare troppo. Il “capitano” ha molte risorse e molte capacità di “rivoltare la frittata” evocata da Luigi Di Maio. Dipende chi prende in mano per primo il...
  • Tempi non diversi

    150 migranti dispersi, probabilmente tutti morti nelle acque del Mediterraneo. Italiani scrivono sui social: “Potevano stare a casa loro. Buon appetito ai pesci“. Un po’ come scrivere “Il lavoro...
  • TAVolta

    TAVolta capita di sbagliarsi. TAVolta capita di battersi per una vita per una causa, poi andare al governo e scoprire che quel potere che si voleva si ritorce contro...
  • Resistere ancora

    “Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...