Ancora sul “velo” islamico

Ieri sera nella trasmissione “Otto e mezzo”, su La 7, uno dei pochi spazi di discussione e non di urla e di voci sulle voci, si parlava di Islam...

Ieri sera nella trasmissione “Otto e mezzo”, su La 7, uno dei pochi spazi di discussione e non di urla e di voci sulle voci, si parlava di Islam e di zone oscure del medesimo nel nostro Paese.
Tra le tante tematiche affrontate, è spuntata la domanda sul confronto con la laicità francese e la decisione di Parigi di vietare il velo in quanto elemento di distinzione religiosa, in contrasto con i princìpi repubblicani di uguaglianza, libertà e fratellanza.
Il punto è sempre lo stesso: libertà e coercizione. Quando una donna è costretta a portare il velo e quando, invece, lo porta volontariamente? E se lo indossa di sua volontà, per libera scelta, è legittimo per un principio di laicismo di stato impedirle di portarlo?
Quindi: fino a dove si può spingere la regolamentazione della libertà comune a discapito di quella individuale?
Sono propenso a ritenere che sia giusto, in uno Stato laico, evitare qualunque manifestazione religiosa che limiti i diritti individuali anche solo potenzialmente.
Ma laicità significa prima di tutto rispetto e non imposizione. Quest’ultima è proprio il contrario del credo religioso stesso: se viene imposto non è fede, ma costrizione.
Quindi, si può provare a venire ad un compromesso tra fondamenta repubblicane laiche ed espressioni religiose: ciò che conta è la libertà assoluta, senza distinzioni di sorta. Qualunque repubblica democratica e laica deve essere garante di ciò: dell’uguaglianza formale e sostanziale dei suoi cittadini. La prima deriva dalla seconda, perché non esiste vera uguaglianza senza vera giustizia sociale.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Al livello delle palle

    Crea molta tristezza vedere undici giocatori di calcio fare il saluto militare. Solidarietà ad Erdogan? Per cosa? Per una aggressione ad un popolo che ha tutto il diritto di...
  • Cari avversari vicini e lontani…

    Tutto il mondo della politica di palazzo si sta allontanando da noi comunisti. Lo reputo positivo perché tornano a rimarcarsi le necessarie e oggettive differenze tra chi esprime una...
  • Il Paese che non esiste

    Il paese che non esiste sta per essere invaso dalle truppe della Turchia. Non c’è pace per i curdi e per il Kurdistan. Le repressioni turche, iraniane, siriane e...
  • Serie “il governo sociale” / 3

    Prima scena Il governo che ci ha “salvato” da Salvini è pronto a mortificare il Parlamento con una riforma nuovamente eversiva che riduce anche la voce dei territori nelle...