A Liliana Segre

Chi non conosce la storia del Novecento, la genesi del fascismo e del nazismo, chi non conosce la storia del Terzo Reich è destinato ad odiare senza un motivo,...
La senatrice a vita Liliana Segre

Chi non conosce la storia del Novecento, la genesi del fascismo e del nazismo, chi non conosce la storia del Terzo Reich è destinato ad odiare senza un motivo, nella più vuota banalità del male. E’ destinato a votare spregevoli divulgatori di odio, discriminazione sessuale, razziale, culturale.

A questi maestri di odio fa paura proprio la critica ragionata, mentre accarezzano la leggera ignoranza di ciascuno di noi, la pesante rabbia che nasce dalla frustrazione antisociale creata dalle politiche liberiste.

Chi non conosce la storia del Novecento e dei fascismi, rischia di odiare senza motivo, di votare i portatori di questo odio e di servire alla fine alla causa della lenta consunzione della democrazia repubblicana.

Magari, chi oggi non conosce la storia del Novecento può, per iniziare, apprendere la vita di Liliana Segre e di come è sfuggita all’orrore dello sterminio. E’ un primo, importante passo. Fatelo.

(m.s.)

foto: screenshot

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Nothing else

    La “rifondazione” della sinistra secondo Roberto Speranza va nel solco della linea zingarettiana del PD, per un nuovo partito “di sinistra” in un nuovo centrosinistra. C’è ancora un’altra “rifondazione“:...
  • Cittadina

    Tutto il Paese dovrebbe esprimere solidarietà alla senatrice Segre. Ma può essere la senatrice Segre “cittadina onoraria” di oltre 8.000 comuni della Repubblica? Non sarebbe più giusto che ogni...
  • 30 anni dopo: al di qua e al di là del “muro”

    Quando un muro cade è per due motivi: l’usura del tempo lo ha fatto rovinare fino a terra, ne ha distrutto la solidità e lo ha corroso fino a...
  • La recidiva nera

    Magari non c’era Goebbels presente, visto che si è dovuto suicidare, dopo aver ucciso moglie e figli, mentre i russi entravano nel quartiere governativo di Berlino. Magari non c’erano...