Resistere ancora

“Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...
Francesco Saverio Borrelli ai tempi di "Mani pulite"

Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una speranza.

Della corruzione non se ne è mai “potuto più“. Eppure essa appartiene imprescindibilmente al carattere dell’essere umano che vive in un regime mercantilista, merceologico e dove il potere è essenzialmente sempre potere economico declinato in varie forme.

Forse sotto quel “Resistere, resistere, resistere” c’era non solo la volontà dichiarata di non cedere alle pressioni del potere politico di allora, ma di andare oltre.

Quasi fosse stato un messaggio che, pur partendo dai presupposti di difesa di una inchiesta che sfasciò il sistema del pentapartito (e non solo…) negli anni ’90, che diede il via alla cosiddetta “rivoluzione di Mani Pulite” e scoprì nella “Milano da bere” una vera e propria “Tangentopoli“, cercasse per il popolo e nel popolo un sostegno per proseguire oltre le aule di tribunale, diventando nuovamente “questione morale“, quindi civile e civica allo stesso tempo.

Così salutiamo il procuratore Borrelli. Pensando al suo “resistere“, ripetuto ben tre volte, e allargandone il senso ad una Italia che ha bisogno, effettivamente, di resistenza: con la erre minuscola e con quella maiuscola.

(m.s.)

foto tratta da Wikimedia Commons

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Con le sardine, ma…

    “Scusa Marco, ma nessun cappello e nessuna bandiera deve essere posta su questo movimento spontaneo…“, mi scrive un amico su Facebook. Mi permetto una risposta un poco lunga ma...
  • Nothing else

    La “rifondazione” della sinistra secondo Roberto Speranza va nel solco della linea zingarettiana del PD, per un nuovo partito “di sinistra” in un nuovo centrosinistra. C’è ancora un’altra “rifondazione“:...
  • Cittadina

    Tutto il Paese dovrebbe esprimere solidarietà alla senatrice Segre. Ma può essere la senatrice Segre “cittadina onoraria” di oltre 8.000 comuni della Repubblica? Non sarebbe più giusto che ogni...
  • 30 anni dopo: al di qua e al di là del “muro”

    Quando un muro cade è per due motivi: l’usura del tempo lo ha fatto rovinare fino a terra, ne ha distrutto la solidità e lo ha corroso fino a...