Fatevi due domande

Nessun tentativo autoritario, trasformatosi poi in dittatura più o meno mascherata, si è mai presentato ai popoli come tale ma come il migliore difensore proprio della libertà che stava...

Nessun tentativo autoritario, trasformatosi poi in dittatura più o meno mascherata, si è mai presentato ai popoli come tale ma come il migliore difensore proprio della libertà che stava per far scemare, annichilire, schiacciare e cancellare definitivamente.
Matteo Renzi è stato comprensibilissimo ieri sera su La 7.
Guastavo Zagrebelsky, invece, non usando la demagogia e gli slogan vuoti, deprimentemente decerebranti, del presidente del Consiglio – segretario del PD, ha spiegato molto bene il merito di una riforma che davvero rischia di far affermare poteri forti attraverso la formazione di una oligarchia.
Il rischio dell’autoritarismo non è Renzi in persona, nemmeno il PD, come ha detto bene Zagrebelsky, ma il futuro del Paese nel contesto nuovo sia politico che sociale che si creerà.
Leggo che molti hanno capito meglio Renzi di Zagrebelsky.
Fatevi delle domande: capire Renzi è come leggere un giornaletto di gossip a titoli larghi e cubitali.
Capire Zagrebelsky è iniziare a leggere, almeno, una leggera letteratura italiana.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

 

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Resistere ancora

    “Resistere, resistere, resistere“, aveva detto Francesco Saverio Borrelli in tempi in cui attorno alla magistratura la politica faceva il deserto e il cosiddetto “popolo” provava invece a trovare una...
  • C’è popolo e popolo

    “L’hai ucciso tu, col tuo sasso!“, mi riecheggia ancora nelle orecchie. Da diciotto anni a questa parte… Rivedo il corteo dei migranti del giorno prima: risento le voci dei...
  • Oscurante

    L’ultima azione rivoluzionaria di Camilleri sarà oscurare Salvini per un giorno, forse più, nei tg e sui giornali. Grazie anche di questo, maestro. (m.s.) foto tratta da Flickr su...
  • Legittimazioni

    Va bene, caro sindacato. Tu quando il governo ti convoca vai a Palazzo Chigi. Ma se ti convoca il Presidente del Consiglio o il Ministro del Lavoro.Che diavolo mai...