Fatevi due domande

Nessun tentativo autoritario, trasformatosi poi in dittatura più o meno mascherata, si è mai presentato ai popoli come tale ma come il migliore difensore proprio della libertà che stava...

Nessun tentativo autoritario, trasformatosi poi in dittatura più o meno mascherata, si è mai presentato ai popoli come tale ma come il migliore difensore proprio della libertà che stava per far scemare, annichilire, schiacciare e cancellare definitivamente.
Matteo Renzi è stato comprensibilissimo ieri sera su La 7.
Guastavo Zagrebelsky, invece, non usando la demagogia e gli slogan vuoti, deprimentemente decerebranti, del presidente del Consiglio – segretario del PD, ha spiegato molto bene il merito di una riforma che davvero rischia di far affermare poteri forti attraverso la formazione di una oligarchia.
Il rischio dell’autoritarismo non è Renzi in persona, nemmeno il PD, come ha detto bene Zagrebelsky, ma il futuro del Paese nel contesto nuovo sia politico che sociale che si creerà.
Leggo che molti hanno capito meglio Renzi di Zagrebelsky.
Fatevi delle domande: capire Renzi è come leggere un giornaletto di gossip a titoli larghi e cubitali.
Capire Zagrebelsky è iniziare a leggere, almeno, una leggera letteratura italiana.

(m.s.)

foto tratta da Pixabay

 

categorie
Lo stiletto





passa a…



altri articoli

  • Avanzamento

    Più avanzo nel tempo, più apprendo la brutalità del capitalismo, meno penso di poter essere accondiscendente anche nelle forme più banali degli accordi elettorali per scongiurare il “meno peggio”...
  • A proposito di nazismo

    Ai negazionisti delll’Olocausto, del Porrajmos e dei tanti stermini perpetrati dal Terzo Reich e dai fascismi di ogni modello, va ricordato prima di tutto che furono gli stessi nazisti...
  • Presa di coscienza

    Quando avevo vent’anni mi dicevano: “O sei comunista alla tua età o non lo sarai mai più.”. Pensavo fosse una esagerazione. Tutt’ora lo penso anche se con qualche dubbio,...
  • Nati ieri?

    Se parliamo di cambiamento minimale, quindi modificazione riformatrice di determinate politiche, è evidente che la risposta non può arrivare dalle piazze piene ma dai “giochi” di palazzo, anche intesi...